...un luogo di approfondimento esoterico da una sponda all'altra dell'Atlantico

giovedì 17 marzo 2016

Stenterello

“Stenterello”, la maschera popolare fiorentina è un modo per ricordare a noi stessi, prima ancora che agli altri, che quello che conta nella vita è non prendersi troppo sul serio. E nemmeno prendere troppo sul serio i potenti, gli arroganti, gli azzeccagarbugli e le vestali pronte a tutto.
Stenterello è nato come espressione icastica della fame che attanagliava (e lo fa ancora, purtroppo) i diseredati, gli oppressi dall’autoritarismo di pochi.
Ma, al contrario di famose maschere italiane (Pulcinella, Arlecchino) sempre impegnate in lotte personali con il prossimo, Stenterello nella sua miseria ha connotazioni di intelligenza politica. Gli attori che calcarono le scene riuscirono a dare un carattere nazionale al Personaggio che si scagliava contro il condizionamento degli stati stranieri che impedivano la realizzazione del sogno dell’Unità d’Italia, tra questi ci piace ricordare Zanobi Bartoli, garibaldino, massone, attore e commediografo citato nell’Enciclopedia del Teatro italiano per avere interpretato per oltre vent'anni con grande successo la maschera del contestatore fiorentino. 









 Sfoglia STENTERELLO




Oscar Bartoli e Vincenzo Asprea
Oscar Bartoli
Avvocato, giornalista pubblicista, collabora con molti media italiani. Risiede negli Stati Uniti dal 1994 e vive tra Washington D.C., Los Angeles e Bangalore (India). Rotariano di lunga data, attualmente fa parte del Washington Rotary Club.

Vincenzo Asprea
Architetto, libero professionista, si occupa di progettazione architettonica e urbanistica. Risiede ed ha lo studio professionale a Roccella Jonica (RC) Italia, ama la poesia del viaggio d'arte per città e luoghi urbani. 



Nessun commento:

Posta un commento